Autocarri e furgoni: le polizze con franchigia

Quando si è alle prese con le assicurazioni per veicoli commerciali è bene ragionare in merito alle polizze con franchigia. Questo tipo di assicurazione viene proposto a tutti gli interessati sia dalle compagnie di assicurazione tradizionali che da quelle online. Per riuscire a capire bene la convenienza di questa tipologia di polizze è fondamentale fare un breve ma interessante excursus in merito, appunto, alla franchigia e a tutti i vantaggi che porta con sé.

Assicurazione autocarri: perché la franchigia è così importante e a quanto ammonta il risparmio reale 

Con il termine franchigia in gergo assicurativo si fa riferimento al danno che un assicurato ha provocato ad un terzo e per il quale dovrà procedere con il risarcimento. In termini molto più pratici, si ha a che fare con una vera e propria soglia che, se non superata, non prevede alcun genere di copertura assicurativa nel caso in cui dovessero essere presenti danni a terzi. Nel caso in cui, invece, il danno abbia un valore più alto di quello stabilito, il risarcimento dovrà essere riconosciuto solo in riferimento all’eccedenza o per intero, dipendentemente dalla tipologia di franchigia che la compagnia provvederà ad applicare.

La franchigia, infatti, può essere sia assoluta che relativa. Per quanto riguarda la franchigia assoluta si tratta, senza alcun dubbio, della soluzione più comune e, tra l’altro, non riguarda solo le polizze degli autocarri ma molti altri prodotti di natura assicurativa. In questo caso, in linea di massima, viene stabilita una soglia riconosciuta sia dall’assicurato che dalla compagnia del tutto slegata dal danno e dalla relativa entità. Al fine di riuscire a comprendere meglio questo concetto è necessario un esempio pratico. Nel caso in cui un autotrasportatore abbia sottoscritto una polizza autocarro con una franchigia di 300 euro atta a coprire danni causati nella fase di carico e scarico delle merci, se il danno sarà di 400 euro l’assicurazione potrà coprire solo i 100 euro eccedenti. Discorso diverso è quello relativo alla franchigia cosiddetta relativa. Anche in questo caso, le quote più basse della soglia non vengono coperte ma se dovessero essere superiori, invece, verranno coperte per intero. Continuando l’esempio precedente, quindi, la copertura sarebbe di 400 euro.

Quando conviene sottoscrivere una polizza con franchigia relativa o assoluta

Una cosa è certa: stipulare una polizza con franchigia significa optare per la convenienza sia che si scelga una compagnia tradizionale che un’assicurazione online. Il guadagno è legato al fatto che la compagnia, essendo a conoscenza del fatto che dovrà fare i conti con una quota minore di risarcimenti al contrario di quanto può accadere con le assicurazioni cosiddette standard, è consapevole che i rischi saranno minori e che, di conseguenza, potrà stabilire un premio più basso. Assicurando il proprio autocarro con la franchigia assoluta significa beneficiare di un premio addirittura minore rispetto all’opzione con franchigia relativa. In questo secondo caso, infatti, l’assicurazione ha più probabilità di dover procedere con i risarcimenti.

Come consiglia Assicurazioniautocarri.com, un aspetto che non deve essere affatto sottovalutato riguarda anche il fatto che la franchigia può riguardare anche solo alcuni aspetti dell’assicurazione di un furgone o di un autocarro e, per tale ragione, è bene scegliere tenendo conto di tutte le variabili a disposizione e solo dopo aver consultato un esperto in materia. Nel caso in cui, ad esempio, il rischio di incidenti fosse basso, si potrà alzare la franchigia. In caso contrario, potrebbe essere addirittura il caso di prendere il considerazione l’abolizione di questa particolare clausola. In consiglio, comunque, è di tenere la franchigia sempre molto bassa, soprattutto per i mezzi cosiddetti più a rischio, tenendo conto del fatto che più alta è la massa del mezzo e più grandi potrebbero essere i danni. In sintesi, prima di sottoscrivere ogni genere di polizza è fondamentale analizzare bene la propria situazione e le specifiche esigenze. Solo in questo modo si avrà la possibilità di individuare la soluzione migliore e in grado di rappresentare un prodotto ideale non solo nel breve ma anche nel medio e lungo periodo. Tale discorso vale sia nell'eventualità in cui si dovesse decidere di sottoscrivere una polizza presso una compagnia assicurativa tradizionale che se si dovesse, invece, optare per la sottoscrizione del contratto di assicurazione direttamente attraverso il web.
CONDIVIDI

Giornale di Puglia

  • Image
  • Image
  • Image
  • Image
  • Image
    Commenti
    Commenti Fb

0 commenti:

Posta un commento